A passo lento nella storia: un trekking in Giordania

Hai mai pensato ad un viaggio in Giordania? Se la risposta è sì e se le tue condizioni fisiche te lo consentono, noi ti consigliamo di valutare l’opportunità di scoprirla con un trekking di gruppo.

La Giordania è una porta che mette da sempre in contatto Oriente ed Occidente. Nonostante si trovi in un’area politicamente molto calda, tra vicini molto rumorosi, si tratta di una destinazione molto sicura, dove non ci metterai molto a sentirti come a casa. Scoprirla a piedi ti permetterà di entrare in contatto anche con la sua parte più vera ed autentica, ad un ritmo lento che ti permetterà di assaporare ogni istante che vivrai in questa terra magica.

Di viaggi organizzati in Giordania e di itinerari trekking ce ne sono molti, alcuni brevi ed altri molto lunghi. Se desideri visitarla in maniera un po’ più approfondita, dovresti considerare un viaggio di almeno 7-10 giorni. Questo è il tempo necessario per riuscire a vedere con calma le principali attrazioni considerando che ci sono anche delle lunghe distanze da percorrere. Pensa che solo da Amman, la capitale, a Petra impiegherai circa 4 ore di viaggio in auto. In trekking i tempi sono ovviamente più dilatati, ma il viaggio solitamente ha uno scopo diverso, quello di godere dei paesaggi desertici e semi-desertici e di vivere la quiete delle aree più remote.

Quindi per un viaggio trekking in Giordania conviene considerare 7 giorni, che ti permetteranno magari affrontare una delle sezioni del Jordan Trail, il percorso più conosciuto di hiking che attraversa il Paese da nord a sud. E mi raccomando, non dimenticare di

Principali punti d’interesse da non perdere durante un trekking in Giordania di sette giorni

Probabilmente, se ti stai recando in Giordania, uno dei tuoi desideri è quello di vedere Petra, una delle sette meraviglie del mondo moderno, culla della civiltà Nabatea e patrimonio tutelato dall’UNESCO.

Il mio consiglio quindi è di organizzare il trekking in funzione proprio di questo, godendoti ogni singolo passo per arrivare a Petra.

Potresti quindi pensare di fare come abbiamo fatto noi, ovvero di percorrere il tratto del Jordan Trail che parte dalla Riserva della Biosfera di Dana e che, in circa 70 chilometri a piedi, ti conduce fino a Petra. Durante questi giorni attraverserai paesaggi suggestivi ed affascinanti, che cambiano colore a seconda della luce. Dall’alto potrai osservare il Wadi Araba, la pianura che si estende verso il confine con Israele. Alla città però non accederai dall’ingresso principale da dove entrano tutti, ma arriverai dall’alto, dalla zona del Monastero. Sarà uno dei più bei viaggi a piedi che ti capiterà di fare, te lo assicuro! Inoltre, questa particolarità ti permetterà di goderti davvero al massimo l’esperienza, perché avrai proprio la sensazione di esserti guadagnato la bellezza che apre davanti a te una volta raggiunta la meta.

Trekking in Giordania: programma dettagliato di un tour a piedi da Dana a Petra

Giorno 1Da Dana a Mansoura

In questa tappa che inizia dalla Riserva della Biosfera di Dana e conduce fino a Mansoura lunga circa 15 chilometri, avrai l’occasione di vedere una zona di particolare interesse geomorfologico. Si tratta della più grande area protetta della Giordania, dove hanno trovato il loro habitat numerose specie di uccelli e mammiferi, anche in via d’estinzione. Camminare tra i suoi sentieri è un’esperienza immersiva, a stretto contatto con la natura, con la quale senti di essere un tutt’uno.

Giorno 2Da Mansoura a Furon

Questa tappa è lunga 15 chilometri, come quella precedente. Dopo circa un’oretta di salita potrai ammirare davanti a te le bellissime Sharah Mountains e lo sconfinato Wadi Araba, la pianura desertica che si estende fino al confine occidentale. Resterai affascinato dai colori di questo paesaggio che a tratti potrebbe ricordare un altro pianeta, probabilmente Marte date le innumerevoli sfumature di rosso che puoi ammirare davanti a te.

Giorno 3Da Furon a Ghbour Whedat

Percorrendo questo itinerario di circa 17 chilometri ti ritroverai letteralmente in uno dei luoghi più remoti della Giordania, lontano da città e da insediamenti urbani. Attorno a te potrai ancora ammirare le Sharah Mountains, mentre dopo alcuni saliscendi, la quota si abbassa e ti ritrovi a passeggiare attraverso spettacolari canyon. Le rocce che trovi in questa zona sembrano essere dipinte dalla mano di un attento pittore che ha calibrato ogni singola sfumatura, ogni singolo colore, per creare delle composizioni che ti lasceranno a bocca aperta.

Giorno 4 – Da Ghbour Whedat a Little Petra

Il trekking di oggi ti riporta pian piano alla civiltà: man mano che avanzi i segni degli insediamenti umani sono sempre più evidenti. Attraverserai insediamenti beduini, dove pecore e capre pascolano in libertà per raggiungere vere e proprie fattorie. Anche la presenza della civiltà nabatea è sempre più forte: inizierai a vedere delle strutture risalenti proprio all’epoca in cui questo popolo dominava la zona. Cisterne per la raccolta dell’acqua, acquedotti che la trasportavano fino ai centri abitati, tini per produrre il vino, pareti in pietra arenaria attentamente intagliate.. Ecco i primi segni tangibili di quella che era considerata, in antichità, la periferia di Petra, dove venivano ospitati i commercianti con le loro carovane.

Giorno 5 – Da Little Petra a Petra

Oggi è il giorno più importante di questo accattivante trekking. Percorrendo i circa 16 chilometri che separano Little Petra da Petra, arriverai finalmente a scorgere Il Monastero che fa capolino dietro una montagna. Raggiungerlo non sarà semplicissimo: ti separano una bella camminare su strade sterrate seguita da una serie di gradini che ti poteranno fin quasi sulla sommità della montagna.

La fatica in questo tratto non mancherà, ma sarà ampiamente ripagata dallo spettacolo che ti aspetta al tuo arrivo! E dopo esserti un po’ rifocillato al punto di ristoro che si trova davanti al Monastero, puoi iniziare la discesa attraverso gli 850 gradini che ti condurranno al ‘piano inferiore’ di Petra. In questo percorso potrai soffermarti ad ammirare le numerose bancarelle di artigianato locale e sciarpe. Ogni venditore ti inviterà a guardare la propria merce e potrai contrattare il miglior prezzo per un acquisto.

Arrivato a Petra potrai addentrarti attraverso uno dei tanti percorsi che si snodano al suo interno. Noi ti consigliamo di partire dal percorso principale e lasciare quelli secondari per i giorni successivi in modo da partire da una visione più globale per andare a quella più particolareggiata.

Giorno 6 – Petra

Al suo interno la città di Petra ha un’intricata rete di sentieri ed itinerari che possono essere scoperti, passo dopo passo, in uno o più giorni. Considera che in totale sono ancora una ventina i chilometri che puoi percorrere dentro Petra, alcuni dei quali piuttosto impegnativi e a seconda dei tuoi gusti potrebbero essere spesi in un itinerario più storico o più panoramico… a te la scelta!

La fine della giornata sarà sicuramente ricca di emozioni dato che ti troverai a percorrere il Siq che ti accompagna verso l’uscita. E’ davvero emozionante percorrere questa strada dove, accanto, hai delle pareti di roccia alte fino ad 80 metri, che sembrano volerti abbracciare e dimostrare anche così il calore della Giordania e del suo popolo.

Giorno 7- Petra – Wadi Rum

Nella tua ultima giornata in Giordania ti consigliamo di spostarti nel Wadi Rum, il deserto dall’aspetto marziano che si trova a circa 70 chilometri da Petra. Qui, oltre al trekking, puoi dilettarti in un sacco di altre attività se sei uno sportivo (ma anche se non lo sei). Puoi pensare di affrontare diversi trail, di difficoltà variabile oppure di concederti un break dalle camminate approfittando di uno dei tour in 4×4 che ti porteranno alla scoperta degli angoli più nascosti di questo affascinante deserto. O ancora, puoi provare l’emozione di sorvolarlo a bordo di una mongolfiera, per guardalo da un punto di vista nuovo ed insolito.

Insomma, la Giordania ha davvero molto da offrire e dei viaggi esperienziali in questo territorio è di certo un’ottima idea!

Non aspettare ancora e se questo articolo ti ha incuriosito, prova a dare un’occhiata al trekking che abbiamo in programma dal 2 al 10 novembre 2024. Potrebbe essere quello giusto per te!