Quando andare in Repubblica Dominicana?

Sarà il momento giusto per partire per Santo Domingo? Qual è il periodo migliore per un viaggio in Repubblica Dominicana? Sono le prime domande che solitamente ci sentiamo porre da chi vorrebbe andare in vacanza nella nazione caraibica. Scopriamo insieme quando e perché prenotare, per godere al massimo di giorni indimenticabili, sia che si desideri relax balneare, sia per tour culturali, naturalistici e a ritmo di musica e tradizioni secolari.

Conoscere il clima di un luogo, soprattutto se molto distante da noi, è probabilmente uno dei criteri che guida le scelte di molti viaggiatori: di solito, si cerca di organizzare le ferie nel periodo in cui le condizioni meteo a destinazione sono più favorevoli.
Le stesse considerazioni vengono fatte da chi vorrebbe prenotare una vacanza in Repubblica Dominicana: quando andare? Che temperature troveremo? Qual è il mese migliore?

Nel caso di questa nazione e in particolare di Santo Domingo, possiamo affermare che il periodo ideale per andarci va da dicembre ad aprile, proprio quando in Italia il clima si fa rigido e – a seguire – mano a mano cede il passo alla primavera.

Abbandonare le temperature basse nostrane per sentire i caldi raggi di sole sulla pelle, una volta arrivati in Repubblica Dominicana, è estremamente piacevole.
Chi sogna di rilassarsi in candide spiagge potrà farlo in totale tranquillità sotto il sole, mentre chi preferisce tour culturali si muoverà senza problemi di precipitazioni che rallenterebbero il proprio itinerario.

Le temperature sono alte e gradevoli tutto l’anno (comprese quelle del mare, che vanno sempre dai 27 ai 31 gradi circa) ma la differenza la fa la probabilità e l’intensità della pioggia o – peggio – il passaggio di uragani e lo scatenarsi di tempeste tropicali. Tutto ciò può verificarsi da maggio a ottobre/novembre, cioè durante la stagione secca.

Repubblica dominicana a dicembre: perché?

Ecco allora che andare a Santo Domingo a dicembre è, secondo noi, la scelta vincente per regalarsi un soggiorno da sogno, a prescindere dal tipo di vacanza che si vorrà prenotare.
In questo mese, prima che si scateni la frenesia delle festività natalizie, i prezzi sono ancora adeguati: poco dopo, a Natale e a Capodanno, inizieranno a salire essendo ovviamente periodi di altissima stagione.

La prima metà di dicembre è inoltre il periodo di “risveglio” delle maggiori località della Repubblica Dominicana, al termine della stagione umida, quindi si ottengono le migliori condizioni per le prenotazioni.
Non solo: le strutture riaprono dopo qualche mese di pausa, a volte rinnovate e più accoglienti che mai in vista dei flussi turistici intensi che si presenteranno di lì a qualche settimana.

Il clima è piacevole senza risultare afoso, sia in spiaggia che a Santo Domingo e nei parchi naturalistici… C’è solo da considerare un dettaglio: nella parte più a nord della Repubblica piove quasi tutto l’anno, quindi per andare a colpo sicuro è preferibile focalizzarsi su altre zone.


Cosa fare a Santo Domingo e dintorni a dicembre: attività consigliate
La nostra idea di viaggio da queste parti nel mese di dicembre è una combinazione equilibrata tra giornate da trascorrere al mare, tour della capitale, escursioni a contatto con la natura più selvaggia e serate a base di merengue e bachata.

Anche perdersi tra le bancarelle per strada, assaggiare i cibi più tipici, incontrare gli abitanti fa parte dell’esperienza di scoperta di questi luoghi, così come ballare insieme a loro: è l’essenza di un viaggio fuori dai soliti circuiti di turismo di massa ma che – al contrario – è ispirato a esperienze genuine.


Per assaporare tutti i gusti della Repubblica Dominicana, abbiamo messo a punto il tour “Santo Domingo: tradizioni, mare e cultura a ritmo di merengue”, in partenza il prossimo 10 dicembre.

Tra una visita alla Capitale, una giornata super attiva sul fiume Chavon, tra le piantagioni di canna da zucchero e i mercati di Higuey, trascorreremo momenti di relax in riva al mare e faremo shopping sperimentando la filiera di prodotti tipici dominicani. Ad esempio, andremo:

  • sull’Isola di Saona, paradisiaca e rilassante, con i piccoli villaggi di pescatori, le casette color pastello e la piscina naturale più grande del mondo;
  • a Bayahibe, con i fondali ricchissimi di pesciolini e di stelle marine;
  • nei colmados, i negozietti dove trovare generi alimentari e prodotti di artigianato locale di qualità. Sono dei bazar attrezzatissimi ma anche punti di socializzazione per gli abitanti della Repubblica Dominicana;
  • nei ranch e laboratori di trasformazione del tabacco, per conoscere più da vicino non solo chi vive qui ma anche le altre fonti di economia locale… senza rinunciare alla visione di panorami inediti che non siano soltanto spiagge candide, palme e mare limpido.

A ritmo di bachata e di merengue, riscalderemo il mese di dicembre a Santo Domingo, per tornare a casa carichi di benessere, di sole, di energie per affrontare meglio l’inverno.

Se vuoi partecipare a un tour completo, già strutturato e che abbraccia ogni sfumatura della nazione caraibica, clicca qui e leggi il programma completo.

Vuoi avere maggiori informazioni sui tour in Repubblica Dominicana?

Contattaci, compilando questo modulo, saremo felici di conoscerti e creare, senza impegno, un itinerario in base ai tuoi interessi, alle tue esigenze e a ciò che più desideri vivere in questa vacanza!