Tra inebrianti profumi e delicate essenze: le fioriture primaverili all’Isola del Giglio

Isola del Giglio (Italia)

Succede anche a te, a volte, di sentire l’irrefrenabile desiderio di stare nella natura per ritrovare il tuo equilibrio? A me capita spesso: impegni lavorativi, familiari, appuntamenti fissati, ritmi frenetici che si susseguono per settimane… a volte bisogna proprio saper dire ‘stop!’, non credi?

Ecco allora che mi ritrovo a passeggiare in qualche luogo sperduto, cercando di cogliere ogni sfumatura dei colori che mi avvolgono, aguzzando l’udito o la vista per riconoscere qualche animaletto coraggioso che si fa vivo intorno a me, respirando lentamente, a pieni polmoni, quell’aria che sa di buono e che sembra purificarmi un po’ di più ad ogni respiro.

‘Inspira…espira…’, lentamente senti che intorno, e dentro di te, tutto si calma. Finalmente stai ritrovando la pace.

E c’è un posticino speciale nel mio cuore, dove, quando posso, cerco di ritornare per ritrovare questa pace: è l’Isola del Giglio.

Un’isola di colori ed emozioni

Ti ho già raccontato del Giglio in questo articolo: su quest’isola avrai l’impressione di camminare sospeso tra cielo e mare. I colori che questo territorio regala a chi lo visita, sono intensi, a tratti struggenti… sono qualcosa che difficilmente potrai dimenticare.

Il piccolo porticciolo che ti accoglie, che sembra quasi abbracciare il traghetto mentre attracca, ha qualcosa di vagamente retrò: una serie di variopinte casette, una addossata all’altra, ti salutano non appena i tuoi piedi sfiorano il suolo. Hanno l’aspetto di una folla schierata che si spalleggia per farsi largo per poterti accogliere con il suo saluto più caloroso! E ti sembrerà di sentirti già a casa…

L’intenso azzurro del cielo che ti sovrasta, pennellato qua e là da qualche candida nuvola di passaggio, fa risaltare ancora di più il verde della natura che domina l’isola.

E la primavera inoltrata, quando ancora le carovane di turisti da spiaggia ‘mordi e fuggi’ non sono ancora arrivate, ma le giornate sono già piuttosto lunghe e calde, è un periodo perfetto per trascorrere qui qualche giorno per ricaricare le batterie.

In questa stagione, non solo verde ti regalerà la natura, anzi…

Le fioriture al Giglio

Chiudi gli occhi e prova ad immaginarti mentre cammini nella quiete di un sentiero non battuto, circondato dal rosa e dal bianco dei cisti in fiore! Queste piccole piante sempreverdi ricordano vagamente la rosa selvatica ma hanno una particolarità: i loro fiori durano appena un giorno! Quindi bisogna spalancare bene gli occhi e cogliere quel momento così prezioso perché domani, probabilmente, quello stesso luogo sarà completamente diverso.

I cisti sono presenti un po’ in tutta l’isola e da aprile a giugno è quasi impossibile non notarli tra la vegetazione.

In primavera, inoltre, il percorso che scende da Giglio Castello è letteralmente inondato da piante di elicriso: il loro profumo pungente simile alla liquirizia, che viene sprigionato solamente sfiorandole, non passerà di certo inosservato sotto il tuo naso.

Nel sottobosco invece, sia sulla mulattiera che sale dal porto al Castello che nella lecceta che va verso la spiaggia del Campese incontrerai invece moltissimi ciclamini selvatici che donano un tocco di colore lilla a dir poco incantevole alla vista. Quando mi soffermo a guardare l’alternanza di queste piante, di questi colori, penso spesso che non ci potrebbe essere un equilibrio più perfetto.

Lungo le coste inoltre, potrai ammirare le macchie colorate che crea il fico degli ottentotti: non è una specie autoctona dell’isola, ma rende il paesaggio molto suggestivo, soprattutto se ti metti a guardare uno di questi fiori fuxia con il mare sullo sfondo, che risulterà di un blu ancora più intenso.

Immancabile presenza in un paesaggio in cui la macchia mediterranea regna incontrastata è il mirto. La sua bianca fioritura, che inizia verso fine aprile per proseguire poi a maggio, è una delle più abbondanti dell’isola e ti regalerà colpi d’occhio che ti porterai nel cuore per sempre.

Ti ho fatto venire voglia di indossare gli scarponcini e partire, vero? Il richiamo verso quest’isola così piccola ma così densa di suggestioni per me è fortissimo… Cosa ne pensi di venire a scoprirla con me?

Vuoi avere qualche informazione sul nostro trekking all’Isola del Giglio?

Contattaci, compilando questo modulo, saremo felici di conoscerti e creare, senza impegno, un itinerario in base ai tuoi interessi, alle tue esigenze e a ciò che più desideri vivere in questa vacanza!