5 ricette a base di baccalà che non puoi perdere in Portogallo

Lisbona (Portogallo)

Una cosa che adoro fare quando vado alla scoperta di un altro Paese è conoscerne gusti autentici e sapori. Amo avvolgermi nei profumi delle spezie locali, provare ad indovinare quali sono gli ingredienti di un piatto lasciando che tutti i miei sensi ne siano travolti. Mi sembra sia un ottimo modo per entrare ancora più in connessione con la mia destinazione.

Sei anche tu come me? Anche tu, prima di partire, vai a spulciare guide e siti per scoprire quali sono i piatti tipici della destinazione che andrai a conoscere? Per scoprire quali sono i locali più gettonati dove assaporare il gusto della tradizione?

Il baccalà: l’ingrediente principe della cucina portoghese

L’intento di queste righe è quello di farti scoprire l’ingrediente principe della cucina portoghese attraverso 5 ricette che secondo me esaltano questo prodotto e sottolineano lo stretto legame fra cultura e cucina.

Forse ti starai chiedendo come mai il baccalà, tipico dei più freddi mari del Nord, sia un piatto tradizionale della cucina portoghese. La spiegazione risiede nella praticità di questo alimento e nella sua lunghissima conservazione, che lo rendeva un alimento ideale per accompagnare i viaggi di esplorazione che spesso duravano mesi. Il baccalà faceva fronte all’esigenza di trasportare qualcosa di commestibile per lungo tempo e quindi era notevolmente più pratico, e anche più proteico, rispetto al pesce fresco, che peraltro in alto mare non era sempre facile catturare nell’esatto momento in cui ce ne fosse stato bisogno.

In Portogallo non avrai troppe difficoltà a trovare un locale che offre il baccalà ai propri visitatori. Noi ci siamo affidati al ristorante D’ Bachalhau, nella zona dell’Expo a Lisbona.

5 ricette a base di baccalà

Qui abbiamo potuto immergerci completamente nella cultura portoghese attraverso 5 ricette a base di baccalà:

Bacalhau à Braz: il baccalà sotto sale viene unito a dell’uovo sbattuto che serve ad amalgamare delle patate fritte tagliate molto sottili insieme alla cipolla fritta. E’ una variante molto popolare che non è difficile da trovare. E’ un’esplosione di gusto sulle papille gustative e le patatine fritte sono quella parte più golosa che ti renderà difficile posare la forchetta.

Bacalhau com nata: in questa ricetta il gusto deciso del baccalà viene smorzato dal sapore più morbido e delicato della besciamella, possibilmente con abbondante noce moscata. A prima vista potrebbe essere tranquillamente confuso con le nostre lasagne alla bolognese. Fortunatamente però al naso non c’è dubbio che si tratti di tutt’altro.

Bacalhau com batatas e cebola: personalmente non sono una grande amante della cipolla, men che meno se si tratta di cipolla cruda. Quindi partivo un po’ prevenuta alla vista di questo piatto dove grandi anelli di cipolla bianca si mescolavano a grossi pezzi di baccalà e a patatine novelle bollite. E’ stato però sufficiente il primo assaggio per farmi ricredere: la cipolla portoghese è più dolce e delicata rispetto alla nostra classica cipolla bianca. Il risultato è un mix assolutamente equilibrato tra due gusti piuttosto forti che però non si sovrastano ma si accompagnano.

Bacalhau gratinado: devo ammettere che questo piatto ha fatto breccia nel mio cuore… ho un debole per la gratinatura che viene cosparsa sopra il baccalà, che nella versione servita a noi a sua volta era adagiato su un letto di erbette di campo cotte. Il pane, sbriciolato in maniera più grossolana rispetto a quella alla quale siamo solitamente abituati noi, si mescolava armoniosamente con diverse spezie e aromi. Immancabile il timo, dire con precisione quali fossero gli altri sarebbe un’impresa difficile. Ma il risultato è stato di sicuro effetto.

Il quinto piatto, più che una ricetta vera e propria, è uno street food. Si tratta del pastel de bacalhau: deliziose polpettine dorate a base di baccalà e patate, da mangiare appena fatte per gustare appieno la loro croccantezza. Sono una vera coccola e ti consiglio di provarle se sei in giro per la città e ti va di fare un break. Ma ti avviso che sono come le ciliegie: una tira l’altra!

Infine, una nota da tenere a mente, è che tutto il pesce viene guarnito con del coriandolo, una pianta aromatica che assomiglia al prezzemolo ma dal sapore un po’ più forte. Se non ami particolarmente questo genere di aromi è bene farlo presente al momento dell’ordine perché normalmente i piatti sono conditi con una generosa dose di questa verde erbetta.

Qualche consiglio per un’esperienza culinaria unica

Seguendo il consiglio della nostra esperta guida, abbiamo ordinato il menu degustazione per due nonostante fossimo in tre. E abbiamo fatto benissimo perché le porzioni sono molto abbondanti, soprattutto in considerazione del fatto che non si tratta di piatti propriamente leggeri.

Il prezzo poi è di tutto rispetto: per il menu degustazione, le bevande (tra cui diverse bottiglie di acqua considerata la giornata caldissima) e i caffe abbiamo speso meno di 50 euro in totale.

Ti ho fatto venire l’acquolina in bocca? Si dice che in Portogallo ci sia una ricetta a base di baccalà per ogni pranzo ed ogni cena per un anno intero, quindi c’è ancora moltissimo da provare! Cosa aspetti? Contattaci per scoprire i migliori posti dove conoscere la cucina più tradizionale del Portogallo!

Apri chat

Inserisci qui sotto il tuo nome e la tua email per ricevere tante idee di viaggio per le tue prossime vacanze!

Subito per te, 18 ispirazioni di viaggio in un EBOOK di 139 pagine, del valore di 27€, OGGI GRATIS per te!

San Vito Lo Capo, Bali, Valencia, Tokyo, Siena... sarà qui dentro la vacanza a cui non avevi ancora pensato?